La Summer School rivolta agli studenti delle classi 4° delle scuole secondarie di II grado è stata sospesa nell’A.A. Le fasi di tirocinio diretto e indiretto saranno ricorsive ed intrecciate, non semplicemente consequenziali.Per i maestri in servizio iscritti al Corso di studio il tirocinio sarà personalizzato; in particolare il focus sarà mantenuto sull'analisi critico-riflessiva e comparativa della propria esperienza professionale.Particolare attenzione viene dedicata al tema dell'inclusione e alle sue declinazioni didattiche, relazionali ed organizzative. L'accordo attivato per la realizzazione del Global Business Program (MAFIB) è stato esteso nel 2015 allo scambio studenti per l'area umanistica (CdS LMCCI, CIE). I contenuti che saranno trattati durante le ore di didattica in aula, sempre secondo una prospettiva interattiva e laboratoriale, sono i seguenti: - Esempi di moduli CLIL in inglese per la scuola primaria e dell’infanzia e articoli inerenti metodologie e pratiche relative al Content and Language Integrated Learning. L’attività con le scuole ti porterà a stare in contatto con i problemi vivi delle classi. Scienze biomediche; Scienze chimiche e geologiche; Scienze chirurgiche; Scienze della vita e dell’ambiente; Scienze economiche ed aziendali; Scienze mediche “Mario Aresu” Scienze mediche e sanità pubblica; Scienze sociali e delle istituzioni; Storia, beni culturali e territorio; Segreterie studenti. In this field you can select several years of course at the same time. Contenuti Il laboratorio di lingua inglese consta di 27 ore di didattica laboratoriale, da dedicare alla verifica in situazione e alla produzione di una presentazione e di un elaborato finale. Con riferimento alle peculiarità del Corso in oggetto, si precisa altresì quanto segue:ogni studente è invitato ad effettuare una esperienza all'estero, sia essa tipicizzata come Erasmus, stage, learning week, tirocinio (che per SFP deve essere circoscritto alle scuole italiane all'estero), scambio, visita osservativa. Nel percorso di laurea realizzato dalla nostra Università concorreranno alla prospettiva di progettazione unitaria da parte degli studenti anche le attività di insegnamento che si realizzeranno in collaborazione diretta con le scuole, in una dimensione di alternanza formativa e continua che favorisce una connessione critico-riflessiva tra aula universitaria e ambiente scuola. Verifica conoscenze richieste per l'accesso: Posti disponibili per corsi ad accesso programmato in base a programmazione nazionale: Docente nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo (A4.a), Risultati di apprendimento attesi / Conoscenza e comprensione / Capacità di applicare conoscenza e comprensione (A4.b), Attività formative di base: psico-pedagogiche e metodologiche-didattiche, Area 2: Insegnamenti per l'accoglienza di studenti disabili, Specificità della declinazione dei programmi in relazione a scuola dell'infanzia e primaria, Autonomia di giudizio (making judgements), Abilità comunicative (communication skills), Capacità di apprendimento (learning skills), Assistenza e accordi per la mobilita' internazionale degli studenti, Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati, https://lm-sfp.unibg.it/sites/cl33/files/faq_sfp.pdf, https://www.youtube.com/watch?v=HXYqlQN5kd4. Questa scelta strategica permette, da un lato, di generare innovazione didattica all'interno di ogni insegnamento, ad esempio con la connotazione laboratoriale che, unica nel suo genere, caratterizza tutti gli insegnamenti del Corso, dall'altro lato, di favorire la maturazione di uno stile condiviso nelle finalità e al contempo del tutto peculiare in ogni singolo insegnamento, in relazione alla sua propria epistemologia e alle scelte didattiche operate da ogni docente con i propri tutor o conduttori di laboratorio (che operano tutti presso le scuole, a garanzia dell'attenzione didattica da riservarsi alla scuola dell'infanzia e primaria). Fiscale 80004350163 P.IVA 01612800167 Centralino 035 2052111 249/2010)I laureati nel Corso di Laurea Magistrale della classe LM-85 bis devono aver acquisito solide conoscenze nei diversi ambiti disciplinari oggetto di insegnamento e la capacità di proporle nel modo più̀ adeguato al livello scolastico, all'età̀ e alla cultura di appartenenza degli allievi con cui entreranno in contatto. Scienze della formazione primaria - Scienze della formazione primaria - Scienze della formazione primaria (tutti gli anni - I semestre) aggiornato il 24.09.2020 Dispone di una casella di dominio.unibg dedicata (susorientamento@unibg.it).Per il Corso di studi è disponibile una casella di posta elettronica dedicata sia per la fornitura di informazioni orientative specifiche, sia per fissare incontri di approfondimento delle esigenze e situazioni personali (formazioneprimaria@unibg.it). La partecipazione all’evento è riconosciuta ai fini delle ore di formazione per il tirocinio curricolare dei Corsi di Studio in Scienze dell’Educazione, Scienze Pedagogiche e Scienze della Formazione Primaria. Altre due iniziative erano state progettate a partire dai primi mesi del 2020:Il progetto di "orientamento vocazionale precoce" rivolto a studenti e studentesse del II, III e IV anno di istituti secondari di II grado quali Natta, Majorana, Lotto, Mamoli. Salta gli elementi di navigazione. Piano di studio Scienze della formazione primaria a.a. 2020-2021 (per immatricolati a.a. 2016-2017 - 2017-2018 - 2018-2019 - 2019-2020 2020-2021) Stampa libro. Stampa questo capitolo. Non solo; dal secondo anno in via sperimentale, e poi dal terzo anno, il Corso prevede una forma di tutorato tra pari per la quale saranno gli studenti del terzo anno (selezionati tramite 10 appositi bandi 150 ore) ad aiutare quelli del primo a lasciare traccia del proprio percorso ai fini della compilazione del portfolio, accompagnandoli anche nelle attività laboratoriali annesse agli insegnamenti n università e a scuola. LM-85 bis - Scienze della formazione primaria. La Delegata all'Internazionalizzazione del Dipartimento e/o i membri della Commissione Internazionalizzazione del Dipartimento sono stati ospitati dai colleghi durate le regolari lezioni per illustrare agli studenti e alle studentesse le ragioni didattiche e formative di tali esperienze, e fornire informazioni circa il supporto alla preparazione linguistica offerto dal Centro Competenza Lingue di Ateneo. Titolo di ammissione al corso di laurea è il diploma di scuola secondaria superiore. Cinque connotati innovativi caratterizzano il corso di laurea:a) essere rivolto a giovani diplomati interessati ad un'offerta formativa strutturalmente basata sulla sistematica alternanza formativa tra esperienza diretta e indiretta di insegnamento nelle scuole e teoria critico-riflessiva su di essa;b) essere destinato anche ai numerosi maestri in servizio del territorio ancora non laureati che, anche attraverso opportune modalità FAD, possono svolgere il loro percorso di laurea attraverso la metodologia dell'alternanza formativa che, facendo tesoro di condizioni strutturali e di know how già presenti nel nostro ateneo rispetto all'apprendistato di alta formazione; ciò al fine anche di modellizzare, a regime, una nuova modalità di formazione in servizio che possa essere diffusa a tutto il personale;c) porre il passaggio dalla multicultura all'intercultura tramite l'avvaloramento di un plurilinguismo fondato sulla lingua madre, sull'italiano e sull'inglese come uno degli assi centrali del progetto formativo, ancorché sviluppato in maniera graduale, ma continua, nel quinquennio;d) sviluppare una stretta collaborazione internazionale con istituzioni che svolgono la stessa funzione di formazione dei docenti del primo ciclo in paesi UE, attraverso gli scambi Erasmus e le opportunità offerte dalle TIC;e) attivare, attraverso Convenzione con le istituzioni scolastiche autonome della città di Bergamo e di altri comuni viciniori, veri e propri Laboratori per la teoria e la pratica dell'alternanza continua e critico-riflessiva tra aula universitaria e ambiente scuola. Il raggiungimento di questi risultati di apprendimento avviene attraverso una costante circolarità, organizzativa e temporale, tra insegnamenti, laboratori, tirocinio diretto e indiretto e studio individuale. La partecipazione all’evento è riconosciuta ai fini delle ore di formazione per il tirocinio curricolare dei Corsi di Studio in Scienze dell’Educazione, Scienze Pedagogiche e Scienze della Formazione Primaria. Il Corso di Scienze della formazione primaria, abilitante quinquennale a ciclo unico, si completerà con l'a.a. Le attitudini al lavoro educativo e di gruppo e alla risoluzione situata dei problemi costituiscono elementi preferenziali per l'ammissione. ORIENTAMENTO IN INGRESSOLe attività di orientamento in ingresso si dividono in: - Attività informative:o Open Day delle Lauree Triennali e Magistrali a Ciclo Unico rivolte a studenti delle classi 4° e 5° secondarie di II gradoo Open Day delle Lauree Magistralio Sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole, dove gli studenti indecisi e i neoimmatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell'università ed avere un supporto nell'inserimento nell'ambiente universitario), - Attività formative o di orientamento più specifiche e in itinere:o Incontri di counseling individualeo Incontri di counseling di gruppo negli istituti. Laboratori annessi agli insegnamenti II semestre File. le relazioni con i colleghi, il dirigente scolastico, il personale non docente, gli operatori dei servizi territoriali e tutti i soggetti con cui occorre definire progettualità educative adatte alla crescita e allo sviluppo dei propri allievi;3. la relazione con le famiglie dei propri allievi, sia a livello individuale che di gruppo, allo scopo di attivare la cooperazione indispensabile per favorire il massimo sviluppo possibile delle capacità di ciascun allievo;4. la relazione con le famiglie degli allievi con disabilità e/o con bisogni educativi speciali, allo scopo di attivare percorsi educativi che abbiano come prospettiva l'individuazione di un personale progetto di vita;5. l'utilizzo delle TIC, sia per i compiti connessi alla propria funzione, anche in una prospettiva di apprendimento permanente, sia per incrementare l'innovazione didattica possibile attraverso l'utilizzo di strumenti e comunicazione multimediale;6. comunicazioni e attività didattiche e professionali in Lingua inglese anche come lingua veicolare necessaria per connettere l'italiano con le lingue madri delle famiglie straniere. Inoltre, è stata sottoscritta una convenzione quadro con FISM e un Accordo con USR per la realizzazione della attività laboratoriali annesse agli insegnamenti per la teoria e la pratica dell'alternanza continua e critico-riflessiva tra aula universitaria e ambiente scuola. Il corso è una vera e propria comunità di apprendimento. Peculiarità del CorsoIl Corso di Studi in Scienze della formazione primaria, così come illustrato nella sua presentazione e come definito in sede di progettazione, è caratterizzato da un'articolazione didattica che vede agire in sinergia insegnamenti, laboratori annessi agli stessi e laboratori ordinamentali, allo scopo di favorire una compiuta circolarità tra teoresi, pratica e tecnica.Per dare corpo a tale impianto, è necessario coordinare al meglio ogni azione, e prevedere un dispositivo, come quello del portfolio personale dello studente e della studentessa, che aiuti ciascuno/a a tenere le fila del proprio percorso senza mai abbandonare l'esercizio della riflessività e dell'osservazione critica di sé e della situazione.In allegato si riporta il link al Regolamento didattico - parte normativa di Scienze della formazione primaria, che all'art. Scienze della formazione primaria Responsabile: Prof. G. Bertagna Si cercherà inoltre di sviluppare una maggiore consapevolezza circa le possibili interferenze linguistiche, in particolare a livello fonologico, che possono attivarsi sulle lingue italiana e inglese dalle lingue materne diverse da queste due tramite l’ausilio di materiale audiovisuale per alunni della scuola dell’infanzia e primaria.- L’attivazione, in un’ottica comparativa e contrastiva con la lingua italiana e le lingue materne diverse dall’italiano, di un sistema pluriculturale, approfondendo alcuni aspetti culturali e della quotidianità, come le abitudini alimentari e le festività di paesi anglofoni e anglosassoni, tramite l’impiego di realia e attraverso sia l’analisi che la progettazione di materiale cartaceo per bambini in lingua inglese quali ad esempio biglietti di auguri, cartelloni, flashcards, per promuovere una più naturale e favorevole apertura verso nuovi mondi e culture.- L’acquisizione di lessico specifico e dei principi teorici basilari dell’apprendimento umanistico-affettivo, focalizzando l’attenzione su concetti quali il filtro affettivo, l’importanza della comprensione orale per lo sviluppo di competenze linguistiche e, in particolare, di abilità fonologiche in età prescolare e aspetti quali l’alternanza tra L1 (italiano o altra lingua materna) e L2, tenendo in considerazione il contesto pluriculturale dell’attuale scuola primaria e dell’infanzia.- Riflettere sulla valenza transdisciplinare e transculturale del Content and Language Integrated Learning attraverso: 1) l’analisi e, in seguito, la progettazione in piccoli gruppi di un breve modulo di CLIL per bambini; 2) tramite cenni di lessico specifico di altre discipline oggetto del corso di studio, in particolare focalizzandosi sulle specificità che caratterizzano i sistemi scolastici anglofoni e anglosassoni in un’ottica contrastiva rispetto alle scuole dell’infanzia e primaria in Italia.- Identificare termini in lingua inglese d’uso comune e che, in particolare, fanno già naturalmente parte del vocabolario delle lingue materne di alunni della scuola primaria e dell’infanzia, anche data la precoce familiarizzazione di questi ultime con le nuove tecnologie. - Termini di lingua inglese entrati nell’uso comune, nella lingua materna (italiano o altra) e impiegati nel contesto della scuola primaria e dell’infanzia. Metodi didatticiLezioni in aula con lingua target inglese, attività collaborative anche a distanza, tramite piattaforma moodle, lavori di gruppo e individuali coordinati anche dalla presenza dei tutor di laboratorio.Lingua di insegnamento: inglese e italiano. Infine, il personale dell'Ufficio Internazionalizzazione ha fornito informazioni precise circa tempi e modalità per concorrere ai bandi relativi a Erasmus+ e tirocinio all'estero.2) Incontri specificamente dedicati agli studenti del I e del II anno del Corso di Studi in Scienze della formazione primaria. In supporto alla mobilità, il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali propone ai propri studenti e laureati la partecipazione ai seguenti progetti:- Erasmus Plus traineehsips (tirocini in Europa per studenti)- Sprint e Prime (tirocini negli USA per studenti)- Tirocini curriculari in Paesi ExtraUE- Euromondo (tirocini in tutto il mondo per laureati)- Tirocini attivati all'interno della Convenzione stipulata con la CRUI. - Brevi testi orali e scritti per bambini di una disciplina non linguistica in lingua veicolare: Content and Language Integrated Learning (CLIL). ... UniBg. conoscenze ed abilità relative agli strumenti metodologici più adeguati per realizzare il percorso previsto (lezione frontale, discussione, simulazione, analisi di caso, lavoro di gruppo, lavoro cooperativo, anche con l’utilizzo delle TIC4. Linguistica per l'inclusione a.a. 2020-21. Servizi agli studenti Disabili e portatori di DSA (Ateneo e Dipartimento)Per facilitare il contatto con gli studenti diversamente abili e/o con DSA, oltre ad un Prorettore di Ateneo, il Dipartimento ha nominato la Prof.ssa Serenella Besio, ordinario di M/PED-03 e docente del Corso, referente con il quale lo studente e/o i familiari possono prendere contatti per concordare sia le attività formative dell'anno in corso, sia gli interventi da realizzare. CercaChi Cerca nel sito. Questi, una volta iscritti, diventano sia studenti sia tutor per gli altri studenti. Le attività di tirocinio consistono in attività di tirocinio diretto (svolto nelle scuole dell'infanzia e primaria convenzionate con l'Ateneo), seguito dai tutor accoglienti, interni alla scuola, e di tirocinio indiretto (incontri di confronto e riflessione all'interno di ciascun gruppo di studenti di tirocinio), condotto dai tutor coordinatori (dirigenti scolastici o insegnanti distaccati presso l'Università) in collegamento con i docenti degli insegnamenti e con i tutor accoglienti. I contenuti che saranno trattati durante le ore di didattica in aula, sempre secondo una prospettiva interattiva e laboratoriale, sono i seguenti: - il P.T.O.F. 2019/2020 a causa dell’Emergenza COVID-19 (sulla base della normativa di Ateneo relativa alla fase 2). Tale coordinamento avviene in coerenza, fatte salve le peculiarità del Corso, con gli orientamenti prefigurati dalla Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduta dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.Oltre al servizio di supporto nell'attivazione di tirocini e stage (di cui al punto B5.3), l'Ateneo di Bergamo offre numerose attività di preparazione all'ingresso nel mercato del lavoro. ludoteche, fattorie didattiche, sezioni didattiche di musei, scuole sperimentali di metodo montessoriano o steineriano, ecc. Menù principale. Scienze della formazione primaria ... SFP UniBg Disponibilità I. C. S. Lucia accoglienza studenti II semestre 2017.docx primaria e infanzia.pdf; SFP UniBg Disponibilità accoglienza studenti IC Clusone.pdf; Scarica cartella. Tale partenariato si affianca a quello già attivo presso il Corso di laurea in Scienze dell'educazione ai fini della formazione degli educatori e delle educatrici per la prima infanzia (0-3), così da poter considerare in maniera unitaria la formazione del personale educativo e docente rivolto alla fascia d'età 0-11 (come previsto dalla L107/15), con considerevoli vantaggi per la qualità futura della continuità educativa e didattica e di un orientamento educativo che esalti, in modo integrato e in ogni momento del percorso evolutivo, la dialettica tra metodi e tecniche dell'individualizzazione e della personalizzazione. Si indicano di seguito le specificità didattiche delle cinque annualità del laboratorio di lingua inglese, le quali vengono ulteriormente dettagliate nei programmi pubblicati sul sito per ogni annualità. Struttura e verifica del profittoIn itinere: dibattiti inerenti gli articoli analizzati a lezione.Il superamento del test finale prevede la presentazione di un modulo CLIL. Ulteriore elemento preferenziale sarà la padronanza anche elementare di una seconda lingua straniera.Essi saranno indagati nella prova di selezione attraverso modalità di valutazione qualitativa. A tale scopo la commissione, nominata dalla competente autorità accademica, è integrata da due docenti tutor e da un rappresentante dell'Ufficio Scolastico Regionale. Ambito disciplinare: laboratorio di lingua inglese IV Obiettivi formativiIl laboratorio di lingua inglese IV si prefigge i seguenti obiettivi: - Consolidare l’uso contestualizzato della lingua inglese per agevolare la formazione professionale, in una prospettiva di lifelong learning, tramite l’analisi di articoli e materiale audiovisuale inerenti la letteratura tecnico-scientifica internazionale di settore.- Acquisire dimestichezza con l’uso delle TIC per la formazione professionale e per l’insegnamento della lingua inglese in scuole dell’infanzia e primarie, comprendendone l’utilità in particolare in contesti educativi caratterizzati da un’alta percentuale di utenza proveniente da paesi stranieri.- Sviluppare conoscenze e competenze per la partecipazione a iniziative di gemellaggio tra istituzioni scolastiche dell’infanzia e primarie (inclusi progetti di collaborazione a distanza tra scuole, quali eTwinning, tramite l’uso delle tecnologie).- Progettare, in base alle indicazioni fornite dal docente durante le lezioni e mediante le attività guidate svolte in collaborazione con i tutor di laboratorio, una breve attività in lingua inglese per allievi della scuola dell’infanzia e/o primaria attraverso l’impiego delle TIC.